Indice articoli

Tokyo 02Shūkichi e Tomi Hirayama - una coppia di anziani coniugi che vivono con la figlia ultimogenita Kyoko - dopo aver affrontato in un lungo viaggio in treno gli oltre 700 km che corrono tra Onomichi, che si trova nei pressi di Hiroshima, e Tokyo, sono finalmente arrivati a destinazione, ospiti del figlio Kōichi.

Non sanno dei faticosi aggiustamenti cui sono stati costretti i congiunti per trovare loro posto nella minuscola casa, sistemandoli nella camera dei bambini dopo avere spostato alcuni mobili, e causando così la rivolta dei piccoli occupanti.

Tomi, rilassata ma ignara delle difficoltà che i due anziani coniugi incontreranno in seguito pronuncia una frase emblematica: "Credevo che Tokyo fosse lontanissima...".

 

 

Tokyo 05Ma lo è: anche se il progresso aveva già ridotto le distanze materiali.

Il viaggio in treno per quanto lungo e scomodo ai nostri occhi era per loro avveniristico.

Si renderanno ben presto conto altri cambiamenti epocali hanno reso insostenibili stili di vita appartenenti ormai a un'epoca tramontata da un giorno all'altro.

Senza che nulla venisse a sostituirla.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tokyo 03La sola persona che sembra avere coscienza della frattura insanabile che è già aperta tra le due generazioni, tra i genitori e i figli, e che cerca di colmarla è Noriko (Setsuko Hara).

E' la vedova di Shoji, altro figlio dei due coniugi disperso in guerra, e nonostante le affettuose insistenze dei suoceri è ancora sola, non ha cercato un nuovo compagno.

Sente evidentemente, con la forza e la sicurezza che dà l'istinto, che non è possibile rinunciare al proprio passato, dimenticarlo o "superarlo", se si vuole che il futuro abbia un senso.

Ma è la sola a percepirlo. La sola a tentare di reagire.

 

 

 

 

 

Tokyo 06Forse fuori posto, ma vogliamo qui tornare sul tema del titolo originario, Tokyo Monogatari, che andrebbe tradotto con Storia di Tokyo. E' diventato invece Viaggio a Tokyo, lo sappiamo. Ma in realtà ogni storia è un viaggio, attraverso i luoghi, gli eventi, il tempo. Ma anche un viaggio in noi stessi.

E per quanto ogni viaggio, ogni storia,ogni persona siano unici e non ripetibili troviamo in ognuno qualcosa di trasversale, che trascende dal contingente, coinvolge anche noi e chiunque altro.

Continuiamo dunque questo viaggio nella storia propostaci da Ozu. Ci accorgeremo che è anche la nostra storia. Il nostro viaggio.