Indice articoli

Gita00Il dojo non è una normale palestra dove chi frequenta si allena secondo finalità proprie, magari seguito da un personal trainer che gli fornisce un programma individualizzato. Il dojo è una “famiglia” guidata dal maestro che, proponendo l’Aikido secondo la sua personale visione, porta le persone verso un obiettivo comune che nella mente di ogni maestro dovrebbe essere molto chiaro e ben definito, sia per quanto concerne la meta finale che per quanto concerne il percorso tecnico e didattico da seguire. Ma l’aspetto tecnico non è l’unico. Altrettanto importante è l’aspetto umano. Il maestro dovrà costantemente vigilare e guidare il gruppo affinché si crei un corretto intreccio di rapporti umani fra lui e gli allievi e gli allievi fra di loro.

 

Prima parte

 

Gita09In questo aspetto del processo entrano in gioco diverse componenti fra cui: la formazione e l’esperienza del maestro, il suo carattere, la personalità dei diversi allievi, il contesto socio culturale, ecc.

Avendo ben chiari nel mio progetto sia gli obiettivi che il percorso per ottenerli, ed essendo consapevole che il praticare insieme sul tatami non è sufficiente per creare una atmosfera ideale, nel mio dojo già da tanti anni, oltre ai normali seminari tenuti da me o da maestri invitati e alle frequenti cene sul tatami, organizzo gite di piacere.

Queste uscite, anche se hanno sempre all’interno del loro programma allenamenti sul tatami o lezioni di armi all’aperto, servono ovviamente prima di tutto a creare aggregazione e spirito di appartenenza ma hanno anche lo scopo di aprire collaborazioni con altri dojo.

 

Gita07In genere, una volta che ho stabilito la meta “turistica”, mi metto alla ricerca di un dojo nelle vicinanze per chiedere ospitalità. Ad esempio se la gita è sabato e domenica cerco di trovare un dojo che abbia lezione al sabato e mi attivo per contattare il maestro locale, che magari talvolta nemmeno conosco. Proprio questo è successo l’ultima volta per la gita in Veneto dello scorso aprile 2024.

Questa particolare situazione ha reso la cosa ancora più stimolante e nella fattispecie è stato molto bello conoscere ed apprezzare l’ospitalità del Maestro Francesco Pane e del Dojo Shingetsu di Treviso. Ci siamo allenati nel loro dojo e poi siamo andati a cena insieme, continuando nell’ambiente informale della pizzeria l’approccio cordiale che da subito sul tatami ha visto i due gruppi di allievi mescolarsi e familiarizzare.

 

 

Gita10Il Maestro Pane molto gentilmente la domenica mattina ci è venuto a salutare omaggiandoci con bottiglie di vino locale che abbiamo promesso di consumare in dojo in una delle nostre cene. Dopo esserci congedati la mattinata è stata spesa facendo colazione nella pasticceria dove è stato inventato il “Tiramisù” e apprezzando le bellezze del centro storico di Treviso. La meta del sabato pomeriggio è stata la visita a Villa Barbarigo a Galzignano Terme (PD) o meglio al suo magnifico parco la cui architettura ripercorre il percorso dell’uomo nella sua evoluzione spirituale. La parte più interessante del parco è senza dubbio il labirinto che a prescindere dalla simbologia per il quale è stato creato è una esperienza davvero particolare e divertente.

 

 

 

Gita06Il programma comprendeva anche un allenamento di jo sui magnifici prati, morbidi come tappeti, che si allargano nell’area botanica, all’ ombra di alberi secolari. Ma anche in questa occasione la pratica ha preso maggiore significato per la presenza di allievi esterni al dojo. Ci hanno raggiunto infatti cinque allievi del Wa Go Dojo di Malo (VI) diretto dal Maestro Antonio Albanese. La presenza di allievi esterni al mio dojo anche in questo caso ha reso la pratica più stimolante sia per me che per i miei ragazzi i quali, in una atmosfera di amichevole collaborazione, hanno aiutato i nuovi amici nello svolgimento del programma tecnico del Niji Keiko, per loro completamente nuovo.

Anche in questo caso si è andati a cena insieme e anche loro, al momento del commiato, ci hanno regalato del vino veneto che, come nel precedente caso, abbiamo promesso di consumare in dojo alla prima occasione.

Gita08Il programma si è completato la domenica mattina visitando il parco e le sale del Castello del Catajo dove non siamo riusciti a trattenerci dal fare qualche scambio con il bokken.

Il venerdì della settimana seguente, per festeggiare la buona riuscita della gita ho organizzato subito una cena Veneto-Romagnola dove poter consumare degnamente il vino regalatoci. Il menù era costituito unicamente dai tipici cassoni che per l’occasione sono stati personalizzati con il logo del dojo.

Ora in conclusione, che senso ha questo articoletto così banale? La semplice cronaca di una gita di cui a nessuno frega assolutamente niente? Per chi avrà avuto la pazienza di arrivare in fondo potrà valere come suggerimento.

 

 

AikidomusA quel che vedo sui social non sono tanti i dojo che organizzano cose del genere che invece all’Aikidomus sono da sempre la norma, al punto che solo quest’anno ne abbiamo fatte quattro. Posso quindi dire di essere esperto in questo aspetto di gestione del dojo e che cose di questo tipo sono molto utili a creare all’interno del gruppo una maggiore armonia.

La gita non è la trasferta per andare al seminario di un qualunque maestro, è una cosa diversa. In quelle occasioni difficilmente si esce dalla routine, il maestro resta il maestro e gli allievi finiscono con l’essere soltanto il suo seguito. Quando si è in gita invece le cose cambiano. Sparisce l’importanza della competenza tecnica, si azzera il grado e alla fine solo i valori di simpatia e allegria vengono esaltati e considerati.

Il mio consiglio quindi è che i maestri riescano ad uscire ogni tanto dal loro ruolo e scendendo dal pulpito si mettano alla pari dei loro allievi come semplici partecipanti ad una gita di piacere. Gli allievi apprezzeranno questa forma di umiltà e di riguardo e non perderanno ma anzi aumenteranno la stima nei confronti di chi, oltre a formarli tecnicamente, si premura di procurare loro esperienze semplicemente piacevoli.

L’aspetto di collaborazione con gli altri dojo è altrettanto importante. Specie se si riesce ad uscire dai limiti di amicizie già consolidate e affinità per formazione dei maestri coinvolti.

Occorre veramente aprire la mente, andare oltre l’orizzonte in modo concreto e non limitarsi a predicarlo spendendo belle parole piene solo di saccenza e suggestione. L’armonia se si vuole raggiungerla deve essere agita e ricercata in concreto. Concludo invitando chiunque legga queste parole a considerare aperta la porta del dojo Aikidomus e della Aikikai San Marino per ogni tipo di visita, di collaborazione e di scambio.

Ogni volta che capitasse di apprendere che organizziamo qualcosa sappiate che anche i praticanti esterni al dojo sono sempre i benvenuti: la nostra ospitalità non vi lascerà delusi.

 


 

Gita01Tornando al titolo ora mi cimento in un parallelismo fra la pratica dell’Aikido e il percorso di crescita che comporta ed una semplice gitarella quale quella che ho sopra descritto.Lo spirito dovrebbe essere lo stesso.

Lo scopo? A mio avviso anche quello dovrebbe essere lo stesso. Fondamentalmente si dovrebbe insegnare e praticare con il fine di divertirsi, stare bene e far stare bene i propri allievi, come quando si prende parte ad una gita, mantenendo equilibrio e senza porsi al di sopra degli altri. Guadagnare? Appagare la propria ambizione? Gonfiare il proprio ego fregiandosi del fascinoso titolo di Maestro? Pretendere di illuminare la vita delle persone con la propria saggezza?

Sono tutti obiettivi che portano fuori strada e spesso finiscono col disattendere le aspettative degli allievi.

 

GrogE’ come quando si parte per una gita che ha un programma ben definito e poi invece quando si è in viaggio la guida decide di cambiare il percorso o addirittura la meta. I gitanti ne resteranno delusi. Ma può anche succedere il contrario. A volte si verifica che sia qualche partecipante alla gita che inizia a pretendere di modificare il percorso. “Sì, lo so che dobbiamo andare a XX ma a me interesserebbe vedere anche altro e se passiamo da quest’altra parte possiamo visitare anche XY”.

Quando questa cosa antipatica accade, ovviamente l’organizzatore entra in difficoltà. Immediatamente si creano due partiti, quello dei pro e dei contro la variazione di programma. La discussione inevitabilmente creerà delusione per qualcuno con grande rammarico di chi ha organizzato che elaborando attentamente un programma definito ha quale obiettivo di riportare a casa tutti soddisfatti. La stessa dinamica si innesca anche tutte le volte che un allievo decide che ciò che ha imparato e pensa di poter imparare dal proprio maestro non gli è più sufficiente. Gli viene voglia di cambiare percorso, di uscire dalla comoda autostrada che il suo maestro ha scelto di percorrere insieme guidando il proprio gruppo e decide di dare un’occhiata altrove.

ForestaEsce dal percorso, si allontana dal gruppo e in autonomia imbocca una strada laterale che inevitabilmente va da un’altra parte e quasi sempre cerca di farsi accompagnare da qualche amico del dojo.

Questa scelta lo porta certamente a vedere cose diverse da quelle che è abituato a vedere quotidianamente ed in alcuni casi la curiosità potrebbe essere ulteriormente stimolata. In genere finita la breve divagazione, una volta rientrato nel gruppo, il soggetto non vede l’ora di raccontare agli altri le differenze osservate e di mettere a frutto la propria esperienza.

Sapere di aver visto e imparato cose diverse dagli altri risulta molto gratificante, quindi sovente accade che, appena un altro bivio si presenta, la tentazione di staccarsi di nuovo dal gruppo originario torna a farsi viva. Inutile farla lunga, avete già capito la dinamica. Sempre più curiosità, sempre più divagazioni sempre più scostamenti dalla guida originaria, dal gruppo e dal percorso che il maestro aveva programmato.

StagesIn genere sono gli allievi più talentuosi o quelli che si presumono tali ad avere questa esigenza di divagare e curiosare. Essendo più dotati maturano anche più in fretta la convinzione che il maestro, che con pazienza e dedizione gli ha fornito le basi e i codici per apprendere anche dagli altri, non abbia più tanto da insegnare loro.

Del resto sono anche quelli che, se realmente dotati e in grado di “rubare la tecnica”, possono effettivamente capitalizzare competenze, anche avendo saltuarie esperienze con altre guide avvicinate in modo sporadico. Cosa è giusto fare quindi? Non abbandonare mai il proprio maestro e procedere con il paraocchi ignorando tutto ciò che esiste di alternativo? Direi di no, è un modo ottuso e riduttivo di concepire il proprio percorso di crescita. E vedendola dalla parte del maestro, che fare? Alzare un muro intorno al proprio dojo vietando la “fuga” dei propri allievi per proteggere quella che si considera una proprietà privata? No questo no, una palese limitazione della libertà sarebbe vissuta sicuramente male dagli allievi.

Gita04Penso la cosa giusta da fare sia semplicemente continuare a dare il massimo ai propri allievi. Con professionalità, con passione e soprattutto con sincero amore verso di loro. Questo non eviterà le fughe. Gli elementi dal carattere più autonomo, superbo, presuntuoso, o arrogante con il tempo andranno comunque persi. Voltare le spalle in modo definitivo al proprio maestro senza dire grazie né scusa, è la scelta che garantisce il massimo del movimento e che fa sentire immediatamente di essere arrivati da qualche parte, di non avere più bisogno di lui e in qualche modo di averlo superato. Per fortuna però gli allievi non sono tutti di quella razza, si può sperare che una quota di allievi resti fedelmente nel gruppo e sia numericamente che nella sostanza dal punto di vista tecnico continui a dare consistenza alla scuola.

Se poi chi scalpita inizia ad avere necessità di divagare, di curiosare e di arricchirsi altrove, non resta che accettarlo e benevolmente lasciar fare, nella speranza che dopo tutto l’impegno profuso, la libertà regalata non venga fraintesa per debolezza o noncuranza. Proprio in questa ottica ho sempre lasciato liberi i miei allievi e continuo a farlo anche se, quale conseguenza della mia gestione democratica, pessime esperienze hanno segnato la storia del mio dojo. Gli allievi non si possiedono.

Gita05Qualcuno riesce a fare protezionismo convincendoli che fuori dal dojo non c’è nulla di buono. Fa maturare in loro la presunzione di essere, a prescindere, una tacca sopra agli altri, ma alla lunga la realtà emerge sempre.

Se invece del lavoro serio e della passione sincera nell’insegnamento si mettono in campo la seduzione e l’autocompiacimento, prima o poi l’allievo sveglio arriva a trarre le proprie conclusioni e finisce con l’abbandonare il proprio maestro o peggio con l’ interrompere la pratica.

La via dell’Aikido non è altro che una gita. Il Maestro la organizza cercando di renderla più stimolante e più divertente possibile.

 

 

 

RadiciGli allievi vi prendono parte e a grandi linee dovrebbero rispettare l’itinerario, il programma, restando nel gruppo. Poi se qualche “fuga” si verifica occorre avere pazienza, sperare che il fuggiasco rientri. Quando si parte insieme sarebbe bello e giusto arrivare tutti insieme. Credo fermamente che ogni allievo debba avere e riconoscere per sé un solo maestro.

Poi è giusto curiosare, andare ai seminari ed in quelle occasioni spogliarsi dei preconcetti e come un foglio bianco cercare di ricevere l’insegnamento del maestro occasionale.

Tanti sono i maestri da cui si può prendere qualcosa di particolare e di originale ed è giusto farlo e lasciarlo fare, ma la propria origine non andrebbe mai negata e le radici non andrebbero mai strappate dal proprio gruppo di amici e dal proprio dojo e anche se si abbandona la propria guida per trovare una propria strada il legame con la propria genesi dovrebbe sempre restare.

Quando questo processo di crescita e distacco si realizza con rispetto e gratitudine è una bella cosa e un maestro dovrebbe gioire nel vedere qualche proprio allievo ad un certo punto diventare un suo pari e magari superarlo.

 

2 Giugno 2024

Ugo Montevecchi

Dojo Aikidomus Rimini